magnifica comunità di cadore

Gran Caffé Tiziano - Caffè storico del Veneto

Il Gran Caffè Tiziano, non è stato solo un luogo d’incontri e di consumi, ma ha rappresentato un importante frammento di storia, l’ultimo respiro di una civiltà che ne ha fatto uno spazio aperto ai fermenti culturali, in cui raccogliere consuetudini venute da lontano. Nati nel Settecento, i Caffè hanno soprattutto segnato la vita e il costume della Mitteleuropa asburgica: le città dell’Impero videro allora nascere e moltiplicarsi locali divenuti famosi, e tra essi il Gran Caffè di Pieve è rimasto a testimoniare quella vicinanza degli spiriti e delle culture che fu caratteristica dell’universo austroungarico.

Oggi la sua storia è giunta ad un momento importante: una lunga storia, dall’antico Paveon del pianterreno, con gli archi gotici e il soffitto a travi e la colonna di pietra con il piccolo stemma della Magnifica Comunità; e poi via via nel Cinquecento e oltre, quando vi trovavano luogo il magazzino pubblico delle granaglie e del sale. E ancora, le carceri poste alla base della torre e chiuse da due porte corazzate con elmi teutonici: lì nel Paveon si tenevano i processi e fino all’Ottocento si svolgevano usi pubblici e commerciali. Poi, dal 1821, ecco prendere forma e vita il Gran Caffè, che da allora subirà trasformazioni legate a quelle del Palazzo della Comunità.

Oggi il rinnovamento riguarda le strutture, ma insieme la destinazione e l’impiego degli spazi, perché il Gran Caffè sia luogo di raccolta e di condivisione delle attività della Magnifica Comunità, che apre cosi sulla bella piazza pievese la propria funzione di custode e valorizzatrice dell’identità cadorina.

Dunque il Tiziano come sede privilegiata di promozione del turismo, e con l’apertura di un bookshop interno destinato all’editoria locale, intermediario di cultura e garante della sua continuità.

Photogallery

  • Gran Caffè Tiziano
  • Gran Caffè Tiziano